540 Views

SOLUZIONI PER GLI ESODATI DELLA SCUOLA IN SEGUITO ALLA MOBILITA’ 2016/2017

Carissimi “DOCENTI”, dopo aver presentato la domanda di mobilità per l’anno scolastico 2016/2017, in qualità di docente assunto in ruolo ante a.s. 2014/2015 (fase B1 della mobilità), ovvero in qualità di docente proveniente dalle GAE, assunto in ruolo nell’a.s. 2015/2016 con il piano straordinario ex L. 107/2015 (fase C della mobilità), vi siete ritrovati, ancora un volta, a dover rimanere nella sede di titolarità, assegnata a migliaia di chilometri distante da casa, e ciò a causa del fallimento delle successive domande di mobilità e delle aspettative maturate in ordine al tanto auspicato intervento legislativo correttivo della Legge c.d. “Buona Scuola”, nonostante la recente pronuncia del TAR Lazio, con la quale ha riconosciuto l’ERRORE dell’algoritmo utilizzato dal MIUR nella mobilità 2016/2017.

Molte sono state le pronunce dei Tribunali del Lavoro che hanno visto accogliere i ricorsi dei docenti dei Docenti della Fase B1 surclassati dai docenti della Fase B3 (docenti delle GM del concorso 2012), e dei ricorsi dei Docenti della Fase C superati, oltre che dai docenti della fase B3, anche dai docenti della successiva fase D.

Si evidenzia che dette pronunce sono recentissime, proprio perché i ricorsi promossi nell’anno 2016, dinnanzi al Giudice del Lavoro, sono stati definiti in questi giorni.

In particolare, i Tribunali Siciliani di Catania e di Palermo hanno accolto le ragioni dei docenti della fase B1 della mobilità a.s. 2016/2017, e così anche il Tribunale di Enna che, con diverse pronunce, ha disposto il trasferimento dei docenti della fase C nella sede prescelta, patrocinati dal nostro Studio Legale.

Si ricorda che è ancora possibile promuovere ricorso dinnanzi al Giudice del Lavoro avverso la mobilità scolastica a.s. 2016/2017.

PER ADERIRE / INFO

Per aderire o richiedere informazioni sul ricorso scrivi al seguente indirizzo email info@avvocatosaia.com, al fine di offrirti l’assistenza necessaria per la tutela dei diritti spettanti in materia di mobilità e ricevere la documentazione necessaria per contestare le illegittimità riscontrate.

Si potranno richiedere ulteriori informazioni sul ricorso al seguente numero 091/7462637 o compilando il modulo “Entriamo in contatto” precisando nel messaggio la tipologia di ricorso per il quale si richiedono informazioni

TENIAMOCI IN CONTATTO

Ti ricordiamo che potrai visualizzare tutte le news relative alla tutela dei diritti dei docenti sul gruppo Facebook “Scuola e Diritto”, clicca qui per iscriverti – sulla pagina Facebook Studio Legale Maria Saia e sul nostro sito, nella sezione new http://www.avvocatosaia.com/news/

Articolo a cura dell’Avv. Maria Saia